Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Clamoroso. Unicka rapita nella notte!

Non è la prima volta che accade ed ogni volta è un colpo al cuore. Nella notte due cavalli sono stati rapiti  dal centro di allenamento di trotto della Scuderia Wave (Onda in italiano, appartenente ai coniugi Gianluca e Giovanna Lami e situato in provincia di Pisa) e non sono due cavalli qualunque. Si tratta di Unicka vincitrice di 13 corse in carriera tra le quali il Derby e il Gran Premio Mangelli, massime prove per i cavalli di 3 anni, e di Vampire Dany, uno dei puledri di punta delle generazione 2014. Entrata nel cuore degli appassionati, e con prematuro ottimismo indicata come l'erede di Varenne, la saura si stava preparando per il ritorno all’attività agonistica dopo il giusto riposo invernale, mentre il suo compagno Vampire Dany stava iniziando quel percorso dei 3 anni che conduce al Derby. La loro sparizione è stata constatata nelle prime ore di oggi.
E' l'ultimo caso di rapimenti nel trotto. Per tutti Wayne Eden, rapito a Montecatini dopo il gran premio di Ferragosto e ritrovato presso il cimitero di Montescudaio, Equinox Bi ritrovato nelle Marche, Iglesias, Oneghin del Ronco e Lemon Dra mai più ritrovato. Di rilevanza mondiale fu il rapimento del galoppatore Shergar campionissimo appartenente all'Aga Khan: a quanto si scrisse all'epoca, il blitz fu opera dell'Ira. Shergar non fu mai ritrovato, l'Aga Khan rifiutò qualsiasi trattativa e qualsiasi ipotesi di pagamento di un riscatto.
Unicka e Vampire Dany sono spariti dal centro di allenamento appartenente ai coniugi Gianluca e Giovanna Lami, situato in località Staffoli, a Santa Croce sull'Arno, in provincia di Pisa. I cavalli sono affidati al team che fa capo all'allenatore danese Erik Bondo, in una struttura inserita nel contesto dell'Azienda Agricola Villa Liana, dal 1980 estesa su una superficie di 44 ettari. La Scuderia Wave di recente ha avviato una struttura simile anche in Francia, a Le Mans, città famosa per il suo autodromo e per aver dato i natali a Jean Michel Bazire, numero 1 tra i drivers transalpini. Nel centro toscano è stata anche creata una “Scuola del cavallo trottatore”.
Secondo le prime indagini, a notte fonda è stato forzato il lucchetto di uno dei cancelli secondari.I cavalli sarebbero stati prelevati da un uomo con la barba lunga e da una donna che li avrebbero fatti salire su di un van bianco. Il rapimento è stato scoperto da Erik Bondo nelle prime ore del mattino. La scuderia è priva di telecamere, ha però un sistema antifurto e soprattutto una vigilanza. I cavalli sono stati rapiti subito dopo il passaggio della vigilanza. Tenuto conto che sui box non c'è il nome dei cavalli, si deduce che chi ha rubato conosceva bene sia la scuderia ed i suoi ritmi, sia i cavalli. Il van bianco è stato ritrovato sempre vicino Pisa: ma sarà quello giusto? Altro trasferimento su van o trasporto a piedi?