Dagli allevatori sardi lettera aperta a Zaia

Una fattrice di Anglo-arabo con il suo puledro