Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Trotto ad Albenga, anche El Diablo si da all'ippica

La carovana delle Stelle fa tappa lunedì 5 luglio all'Ippodromo dei Fiori di Villanova d'Albenga per la prima e ultima notturna (ed è un vero peccato, colpa delle poche giornate assegnate, specialmente nel periodo estivo, quando tra l'altro saranno chiusi anche Torino e Milano) dell'anno nell'impianto ligure, in occasione della Quarta tappa di Campionato. 

Tra le 12 guide amatoriali e senza frustino, a proposito di Stelle, brilla quella di Claudio "El Diablo" Chiappucci, campionissimo delle due ruote a pedali non del tutto nuovo a incursioni e fughe verso il mondo dell'ippica, sia in sulky, appunto con il circuito benefico, sia in bici, dato che in piedi sul sellino in passato ha sfidato due trottatori importanti come Lana del Rio (che ebbe la meglio) e Peace Kronos (a spuntarla fu El Diablo) e addirittura un purosangue del galoppo a Varese, troppo rapido anche per un asso dello sport come lui. 

Con le Stelle Chiappucci -che da driver esordì a fine 2010 a Treviso- ha finora disputato una ventina di gare, con diversi piazzamenti e tre vittorie speciali: la prima a Montegiorgio nonostante in curva portasse sempre molto al largo il proprio cavallo per sfruttare le paraboliche tipo pistard, la seconda, strepitosa, a Taranto, in un arrivo e fotofinish da brivido dove venne a beffare un rivale molto più esperto e tecnico quale Fabietto Marchino e la terza a Milano, in fuga verso il traguardo seguito sempre dal solo Riccardo Magrini per un'accoppiata tutta ciclistica. 

Ad Albenga dovrebbe guidare Taino Zen, che certo non sarà il primo favorito -ruolo che spetta invece a Vulcan Rodi, con in sediolo il toscano Paolo Chiari- ma sicuramente sarà il più osservato, suo malgrado, per colpa e merito del suo guidatore.

Una sola la presenza femminile, quella di Francesca Bassi ma saranno vari gli spunti d'interesse e curiosità, come per esempio la presenza in pista di Giuseppe Paciello che sale da Napoli e di Giuseppe La Licata, al debutto, che per la sua prima corsa non ha esitato a partire addirittura da Palermo, a riprova che la passione per il cavallo e il trotto non ha confini nè limiti, avvicinandosi in certi casi a una meravigliosa follia. 

Tra i rappresentanti locali ecco Alessandro Catalano e Giuliano Oddone, mentre a completare il campo partenti ci sono i piemontesi Gianluca Allione e Roberto Panigari, Andrea "Bobo" Luraschi (del varesotto, come Chiappucci), il mantovano Gianluca Cortellazzi e un altro ex ciclista, il montecatinese Roberto Puccini, che quanto al valore dei cavalli, con Ulrica Mont, sarebbe da indicare come prima alternativa a Vulcan Rodi.

Tutti i partecipanti si tasseranno ognuno di 50 euro (oltre a rimborsare l'assicurazione alla società di corse) da devolvere alla onlus e alla causa stabilita dagli organizzatori. 

Il convegno avrà inizio alle 20 e sarà interamente trasmesso in diretta tv sul canale 220 di Sky.