Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Trotto a Cesena, il francese Drole de Jet novità dell'Europeo

CESENA. La fantastica estate di Cesena propone come apoteosi quel magico sabato del Campionato Europeo. Ormai, ci siamo, è tutto pronto in Romagna per l'evento top della stagione, al quale sabato parteciperanno dodici campioni pronti a sfidarsi sul miglio. Il format, accattivante nella sua assoluta originalità, che prevede la disputa di due prove con i protagonisti in pista alla seconda a numeri invertiti rispetto alla prima sfida ed una eventuale bella di mezzanotte riservata ai vincitori di ognuna delle due manche agonistiche.
Ammirato in tutto il Mondo, il Campionato Europeo vanta un Albo D’Oro di assoluta suggestione, con i “padri nobili “ del trotto tricolore Crevalcore e Tornese plurivincitori in bella vista assieme ad ospiti del livello di Pershing, Mack Lobell, Nealy Lobell e Camilla Highness, yankee ai vertici in due continenti, senza dimenticare la doppietta dell’indigeno Mack Grace Sm e l’entusiasmante match a suon di parziale tra gli scandinavi Deimos Racing e Arazi Boko nel 2018, che vide quest’ultimo prevalere fermando il cronometro alla media di 1.10.3, record mondiale in pista da 800 sulla breve distanza.
Nomi nuovi e consolidate candidature rendono accattivante l’edizione 2019, con una fortunata pole position nella prima prova per la chiacchierata  Ua Huka , giumenta in giubba Indal maturata alla scuola Gocciadoro, che al Lotteria stupì arrivando ai piedi del podio e che aspira senza meno al marcatore, limitandosi al ruolo di spettatrice nel secondo round.
Un lungo viaggio ha portato il francese  Drole De Jet  sulle rive del Mar Adriatico, prima tappa, il meraviglioso scenario della Costa Azzurra ed un quarto posto a Cagnes sur Mer che ha rivelato le indubbie doti velocistiche dell’allievo di “Pierrot” Vercruysse, ora, il due sul sellino e una prima fila accomodante, lo proiettano ai vertici del pronostico nel match d’approccio, mentre al ritorno in pista converrà attendere lo sviluppo degli eventi tattici.  Vernissage Grif,  alla prima partecipazione all’Europeo, si giocherà le sue chances in entrambe le prove mettendo in campo la consueta, proverbiale grinta, mentre per  Uragano Trebì  il ritorno in scena al Savio è l’ennesimo tentativo di ritrovare la condizione che nel 2018 ne fece uno dei favoriti della corsa, con il fido Vecchione chiamato a dare sfoggio del suo immenso talento sfruttando l’agevole 4 all’esordio in pista e la scia delle lesta Peace Of Mind alla manche successiva.
Un incoraggiante esordio italiano con il podio solo sfiorato nel Città di Montecatini, fa del norvegese  Cokstile, un prospetto interessante e curioso: non pare temere le corsie esterne e possiede ficcante finish conclusivo. Inoltre, il team Casillo/Di Nardo che ne gestisce le sorti sportive, è ai vertici delle classifiche nazionali e professa fiducia sul bruno portacolori della scuderia Santese, da seguire in entrambe le uscite per la sua regolarità .
Sorteggio ostico per  Santiago De Leon , stakanovista che Holger Ehler affida ad Antonio Greppi, con uno scomodo sei ed un poco agevole sette ad assottigliarne le possibilità di ben figurare. Seconda fila all’esordio, ma scia di tutto rispetto, quella di Drole de Jet, per il campione uscente  Arazi Boko , il milionario di origine svedese di Alessandro Gocciadoro e Leonardo Cecchi , che a 12 anni suonati resta uno stolido esempio di continuità, grinta e talento proponendosi come possibile finalista e giocarsi la sua miglior chance con il 5 della seconda prova.