Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Toscana Tour, Garcia spezza il dominio delle donne

TRE TENACI AMAZZONI sul podio della gara grossa dell'ultimo sabato del Toscana Tour all'Arezzo Equestrian Center: la migliore è stata la velocissima svizzera Jane Richard-Philips de Vuyst in sella al castrone di nove anni Dieudonne de Guldenboom (0 in 57.54) che si è lasciata alle spalle i 68 avversari della 150 a tempo tabella A del Gold Tour. Dopo di lei le due azzurre Francesca Capponi sul castrone di 13 anni Royal Star (0 in 58.53) e la romana Lucia Vizzini sul dieci anni Lismen Lancer (0 in 59.74). Ma non finisce qui perchè le amazzoni italiane hanno continuato a vincere facendo loro la 140 a tempo del Silver Tour grazie all'aviere Giulia Martinengo Marquet su Pop Lady d'Elle (0 in 53.82) seguita dalla svedese Elin Hallgren su Obion (0 in 55.29) e dall'azzurro Filippo Baldini su Questar van Pauwhoeve (0 in 57.52). L'ucraina d'adozione, Katharina Offel, sul castrone baio Otello Star (0 in 51.13) ha fatto sua la 140 a tempo tabella A del Gold Tour, in cui 2° è l'inglese Keith Shore su Zegreanne Z (0 in 51.78) e 3° per l'Italia Roberto Cristofoletti in sella allo stallone di nove anni Amico Mio (0 in 53.12).
Non è da meno Juan Carlos Garcia che, proseguendo sulla scia delle vittorie italiane, si è aggiudicato la 135 a barrage immediato del Gold Tour su Moka de Mescam (0/0 in 35.98), in cui 2° è risultata l'aviere Giulia Martinengo Marquet su Istafan Sissi (0/4 in 37.03) e 3° il tedesco Lars Nieberg su Gianna (0/4 in 41.78) mentre nella 135 a fasi consecutive del Gold Tour ha visto la prima posizione del tedesco Tim Rieskamp-Goedeking su Royale's Son (/0 in 28.20), la 2° dell'umbro Paolo Mencolini (0/0 in 28.29) e la 3° della brava Giulia Martinengo Marquet su Catch me (0/o in 28.95).
Il migliore della 135 a fasi consecutive del Silver Tour è stato il belga Pieter Clemens su Esprit van de Wellington (0/0 in 28.21), seguito dal connazionale Ludo Philippaerts su Triple XL (0/0 in 30.71) e dalla norvegese Ninni Braathen su Felix VII (0/0 in 31.26) mentre nella 135 a tempo del Silver Tour ha primeggiato la francese Agathe Vacher su Careena (0 in 63.21), 2° è la tedesca Barbara Steurer- Collee su Mefa's Cognac (0 in 64.70) e 3° l'azzurro Lorenzo Lops su Zambuca (0 in 66.43). Tra i 75 concorrenti della 125 a barrage immediato del Bronze Tour ha trionfato per gli Emirati Arabi Uniti Rashid Bin Ahmed Al Maktoum su Dubawi (0/0 in 27.85), 2° è il nostro Marco Brotto su Savy (0/0 in 29.50) e 3° la danese Eva Kragh Pedersen su Chinatu LS La Silla (0/0 in 29.81).
Nell'arena Vasari la prima gara della giornata è stata la 115 a fasi consecutive del Bronze Tour dove prima è risultata la greca Milena-Maria Pappa su Carclenia (0/0 in 26.18), 2° l'aretino Alberto Graziani su Lippo Vanni (0/0 in 26.34) e 3° la tedesca Kornelia Prasek su Classica (0/0 in 26.85) mentre nella seguente 120 a barrage immediato sempre del Bronze Tour ha vinto per l'Italia Nora Kuznik su Alesca (0/0 in 34.50) seguita dalla norvegese Ninni Braathen su Elmside Orlando (0/0 in 35.48) e dalla polacca Katarzyna Kuchejda su Sumak (0/0 in 36.93).
Alla belga Maartje Verberckmoes su Bijou (0/0 in 38.54) è andata la 115/120 a barrage immediato del Ch & Jun Bronze Tour, in cui 2° per la Turchia è Asli Gulec su Bacatina (0/0 in 36.84) e 3° l'italiano Mario Manzone su Taranto Van't Hertsveld (0/0 in 44.93) mentre nella 130 a tempo del Silver Tour primo è l'inglese Nick Channing Williams su Last Chanse (0 in 58.32), 2° l'italiano Lorenzo Lops su Woberlina (0 in 59.81) e 3° la belga Ines van den Bosch su Willhelm (0 in 59.85).
Nel Pony Tour la 110 a fasi consecutive ha visto il percorso netto in prima fase di Maria Antonietta Lensi su Olympe des Assis (0/elim.), nella 115 a barrage immediato prima piazza per Gabriel Andersson (SWE) su Betty Boop (0/0 in 36.46), seconda per la belga Maartje Verberckmoes su Baussy Jones (0/0 in 38.23) e terza per l'azzurra Camilla Nencetti su King Cup (0/4 in 37.78) mentre nella 120 a tempo il miglior percorso è stato quello di Gabriel Andersson (SWE) su Good Time Girl (0 in 56.68) seguito dal danese Sebastian Olesen su Westside Ranger (0 in 69.18) e dalla tedesca Laura Hetzel su Dancing Dream (0/4 in 58.96).