Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

San Siro si torna a correre. Test positivo

Milano, 12 ottobre 2021 – Si sono conclusi con esito positivo i test effettuati nella mattinata di oggi per verificare la praticabilità delle piste dell’Ippodromo Snai San Siro.

Erano presenti, oltre ai tecnici Snaitech, commissari di corsa del Mipaaf, veterinari e rappresentanti di allenatori, fantini, gentleman e proprietari. Nel corso del sopralluogo, tutti i presenti hanno constatato i positivi effetti degli interventi di manutenzione straordinaria compiuti per porre rimedio agli ingenti danni provocati al manto erboso dall’infestazione di larve di Popillia Japonica e ripristinarne l’utilizzo. Sono state, inoltre, svolte delle prove di galoppo in pista con fantini professionisti e gentleman per verificare al meglio le condizioni di ciascun tracciato. 

A giudizio unanime dei presenti, come riportato nel verbale di sopralluogo congiunto, è stata confermata la praticabilità della Pista Circolare interna, per corse fino a 2.000 metri di distanza, della Pista Grande, con partenze dai 1.800 metri, e della Pista Dritta nel lato dello steccato interno. Su queste piste si potrà, quindi, tornare a correre secondo il calendario che sarà definito dal Mipaaf. 

Snaitech accoglie positivamente la notizia della ripresa delle corse, che premia il lavoro compiuto dai tecnici e dai consulenti della società per sanare in tempi brevissimi i danni al manto erboso derivanti da un’infestazione imprevedibile e senza precedenti per violenza, intensità e rapidità. Comprendendo le difficoltà nelle quali sono incorsi i proprietari a causa dei costi aggiuntivi derivanti dagli inaspettati trasferimenti, Snaitech ha inoltre scelto di accordare per l’ultimo trimestre del 2021 uno sconto del 30% sulle tariffe per l’affitto dei box nel centro di allenamento di San Siro. Una decisione presa nello spirito di reciproca collaborazione e di condivisione dei valori legati al mondo dell’Ippica e nonostante l’infestazione che ha colpito i prati dell’Ippodromo Snai San Siro sia stata un impedimento di forza maggiore del tutto imprevisto ed imprevedibile, i cui effetti negativi hanno leso per prima la società stessa.