Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Prix d'Amérique. L'Italia ce la mette tutta!

VINCENNES. Si disputa dal 1920. E' il mondiale di trotto sulla lunga distanza. Qui si scrive la storia, è la locandina del Prix d'Amérique che da settimane riempie le vie di Parigi, piazzata ovunque, anche alle fermate dell'autobus. Il trotto in Francia ha la sua casa, è qualcosa di nazionalpopolare. Se Vincennes è il focus della domenica, il teatro suggestivo di una corsa sontuosa, la vigilia raccoglie reporters, appassionati e addetti ai lavori a Grosbois, il fantastico centro di allenamento a una trentina di chilometri dalla capitale. Questa mattina venerdì la tv norvegese ha ripreso l'uscita di Yarrah Boko, il laureato del Prix de Belgique sul quale circolano ottime voci. Il cavallo che rinunciò per infortunio alla scorsa edizione della madre di tutte le corse, è fresco e Vercruysse, il suo driver, è convinto che possa finire nei tre. Maharajah è l'altro ospite scandinavo. Ha trascorso le ore della vigilia in un paddock. E' apparso sereno e l'ultimo successo in
Svezia parla di una forma ritrovata al momento giusto. Il cuore dei francesi batte per il crack Ready Cash che ha portata di mano l'impresa che lo consegnerebbe alla leggenda della grande corsa. Il campione guidato da Frank Nivard ha già vinto due edizioni, nel 2011 e nel 2012- Ha nel mirino l'immenso Bellino II che vinse tre edizioni, mentre il record assoluto appartiene a Ourasi (quattro affermazioni, nel 1986-'87- '88 e '90).
Gli appassionati d'oltralpe che vanno controcorrente, cioè che non metteranno i loro soldi su Ready Cash, guardano con simpatia al giovane campione Up And Quick - impressionante il suo ultimo successo nel meeting -, con il valore aggiunto della guida glamour, quella di Jean Michel Bazire, il collezionista del sulky d'or. Tiego d'Etang è l'ultimo arrivato al tavolo dei big. E' piaciuto a più riprese nell'iter di preparazione, correndo bene sia al sulky che al montato. L'Italia gioca due carte, in questa corsa che ha visto issarsi il tricolore sui pennoni di Vincennes per 13 volte. Nesta Effe, il sauro allenato da Holger Ehlert, è stato impegnato giovedì mattina sulla pista reale di Grosbois
in un lavoro probante. Mack Grace Sm è arrivato a Grosbois nel tardo pomeriggio di giovedì. Questa mattina è uscito intorno alle 9.45 per un lavoro. Il cavallo ha preso molto bene il viaggio e nel team Colletti-Andreghetti c'è la convinzione di poter fare una corsa importante. Il record dell'Amérique è di Royal Dream, che lo ha stabilito nel 2013, correndo la distanza dei 2700 metri alla media di 1.11.9.