Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Parigi, Vivid Wise As e Gocciadoro nel Prix de Bourgogne

Una panoramica dell'ippodromo di Vincennes
Una panoramica dell'ippodromo di Vincennes

Domenica all’ippodromo parigino di Vincennes è in programma il Prix de  Bourgogne, la terza prova di preparazione al Grand Prix d’Amérique. In un campo di 15 partenti, sarà al via anche l’italiano Vivid Wise As, guidato da Alessandro Gocciadoro. “Il cavallo ha lavorato benissimo” – ha dichiarato il driver emiliano fresco del frustino d’oro 2020 – e sono convinto che possa essere protagonista su una distanza che sul tracciato parigino ha già affrontato con successo in occasione del Prix Marcel Laurent”. Il Prix de Bourgogne, a meno di un mese dall’Amérique, promette una spettacolare battaglia: i primi tre sul traguardo otterranno il loro passaporto per la grande corsa di fine gennaio. Si correrà sui 2100 metri con partenza dietro l’autostart. Il favorito netto della competizione è l’impressionante Face Time Bourbon, vincitore del Grand Prix d’Amérique 2020 e anche della seconda B, il Prix du Bourbonnais del 13 dicembre. Il figlio di Ready Cash allenato da Sébastien Guarato detiene il record sui 2100 metri del Plateau de Gravelle (1.09.4 siglato lo scorso 21 giugno nel Prix Rènè Ballière).  Gli analisti d’oltralpe indicano in Davidson du Pont, presentato da Jean-Michel Bazire, un’alternativa importante sia per il favorevole numero 5 sorteggiato che per il successo nel Prix de France della scorsa annata battendo proprio Face Time Bourbon. Tra i potenziali protagonisti hanno credito anche tre femmine di valore. Si tratta di Billie de Montfort, Bahia Quesnot e Délia du Pommereux, le prime due curiosamente accomunate da una vittoria in Italia all’ultimo rispettivo impegno, mentre Délia nella serie di prove di qualificazione alla corsa top del meeting si è già distinta con il quarto posto nel Bourbonnais. Dunque, la prima classica del trotto francese del 2021 si presenta avvincente e interessante per stilare un borsino del Prix d’Amérique, man mano che ci si avvicina al gran giorno la selezione si fa più nitida, con una scala di valori attendibile.

Paolo Allegri