Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Milano. Germania en plein nelle Oaks

MILANO. Quando arrivano le tedesche fanno sempre male. Così le Oaks lasciano l'Italia per le rive del Reno, con Lovelyn capace di sottomettere in arrivo la connazionale Full of Beauty e Joyful Hope, queste ultime seconde in parità. Tanta gente a San Siro per il Derby rosa e attesa per questa classica tra le più selettive in assoluto del galoppo italiano, perché sulla dirittura milanese non si scherza e per arrivare in fondo bisogna avere fiato nei polmoni e solidi garretti.
Joyful Hope ha raccolto le maggiori simpatie ma si è capito subito che il compito sarebbe stato arduo per la portacolori dei Dioscuri. Vargiu l'ha piazzata in scia  a Reset in Blue, leader disinvolta, e a Favulusa, ma appena completata la piegata di fondo, la figlia di Shamardal non è venuta avanti come ci si aspettava, mentre all'estero spiccava la grigia Full of Beauty. Sembrava un match tra queste due, poi si è inserita sfruttando un varco propizio Lovelyn, capace di svettare sul filo per una testa. Lovelyn vanta una carriera breve ma già consistente. Che sapesse galoppare lo si era notato l'ultima volta in una maiden a Colonia. Vittoria franca, anche se di misura, ma da allora quanta strada ha fatto l'allieva di Schiergen!
Da segnalare nel pomeriggio anche la nuova battuta d'arresto di Priore Philip nel Vittadini. Dopo il rientro così così, seguito a una stagione 2014 travolgente, e al ko subito nel Presidente della Repubblica, le cose non sono migliorate per il campioncino della Ste.Ma che si sperava riuscisse se non altro a figurare nel marcatore. Invece una resa anche stavolta senza condizioni, sicchè Priore PHilip andrà ripreso con calma, tenuto soprattutto a riposo per ridargli quel coraggio di cui ora sembra svuotato e che rappresentava invece la sua dote più incisiva fino al Premio Roma dello scorso autunno. Il successo è andato a Kaspersky, padrone incontrastato della corsa già a metà retta quando Rispoli è volato sicuro alla meta col pupillo di Endo Botti conquistato una vittoria ampiamente meritata, davanti a Circus Couture e Longina.