Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Merano, un sabato di lusso introduce il Gran Premio

MERANO. Si apre il Meeting del 81° Gran Premio Merano Alto Adige, con tutte le attenzioni e dinamiche contingenti messe in atto al fine di garantire al pubblico due giornate spensierate ed in assoluta tranquillità, nella incomparabile atmosfera delle corse all’ippodromo di Maia. Il sabato 26 settembre mette in vetrina le prime corse di profilo internazionale del fine settimana con in grande evidenza una spettacolare edizione della Gran Corsa Siepi di Merano- Aimo Immobilien (Gruppo I), giunta alla sua LXVI edizione alla quale ambiscono in molti.
 Beau Saonois, l’eclettico grigio di casa Aichner, ben mirato sull’obiettivo ed in condizioni di freschezza ed il compagno Capivari, molto a suo agio su un possibile terreno pesante, formano una coppia di grande qualità. Dalla Repubblica Ceca il trainer Radek Holcak invia Stuke, che ha confermato più volte al massimo livello sulla pista il suo valore. L’avversario  di tante battaglie, Live your Life, con Mensch per il biancorosso della scuderia Troger si gioca una carta importante, ma due francesi Crack de Reve  e Candalex  si profilano come due avversari davvero ostici e assolutamente competitivi.
Il primo porta a Maia, per il training di David Cottin i colori internazionali del team Munir, complesso che può annoverare saltatori di grande qualità impegnato sia in Francia che nel Regno Unito. La carta è solida, da buon francese alterna con successo siepi e steeple ed è un candidato serio. Il secondo, per Monieur Guillame Macaire, ha già calcato le nostre piste con alterne fortune per i colori di Pierre Pilarsky, ed è saltatore molto esperto.
Il Premio degli Steeple Chase d’Italia memorial Mario Argenton (Gruppo II) è il punto d’arrivo della selezione dei novizi sullo steeple. La grande dimostrazione di forza da parte di First of All  nelle corse di preparazione fa del portacolori del Dr.Charvat  l’atteso protagonista, laddove la sua statura ad oggi risulta ineguagliata dai sui pur validi avversari. Ritorna ad affrontarlo il francese Galant du Chenet, training Macaire,  battuto nel Premio Vanoni ma stabilizzatosi buon performer in Francia, mentre la coppia  Laldann  e la freschissima Santa Clara per la scuderia Aichner possiede la qualità per provare ad intervenire nel contesto. Imperial Red  in crescita, la sorpresa.
La 76.a edizione del Premio delle Nazioni memorial Marco Rocca, per quest’anno disgiunta dalla Crystal Cup per il forzato annullamento di alcune prove internazionali, è la  prova più importante della specialità del cross country sulla distanza estrema dei 6000 metri che vede il qualitativo Broughton puntare a questo obiettivo mirato su una distanza forse al limite. Trova un francese, Vino Royale per David Cottin che al contrario sulle distanze estreme non ha problemi. Power Zar  altro veterano in forma acclarata proverà ad intervenire. Lo stesso All About Cossio  è competitivo e conosce questo contesto agonistico a menadito, mentre tentano una carta anche i due compagni di scuderia del team Favero.