Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Memorial Dalla Chiesa, sorprende il giovane Bianchi

MEMORIAL DALLA CHIESA al GESE di Bologna. Diciotto anni il prossimo 23 gennaio, Emanuele Bianchi e Cupido Z, il suo baio di dieci anni, sono stati i più precisi e i più veloci tra i 107 concorrenti in gara, tra i quali spiccavano nomi eccellenti dell'equitazione nazionale. Con zero penalità nel tempo di 56,97 si sono così aggiudicati la vittoria del premio “Cavallo Magazine”, categoria 140 a tempo (montepremi 3.300 euro), gara clou della giornata e ultima chance per qualificarsi per il Gran Premio.
«È bravo, monta bene e se lo merita! - l'esclamazione a caldo del suo istruttore Paolo Nuti, che lo segue presso il circolo La Pinetina di Como – Dopo la partecipazione ai Campionati europei, dove sono arrivati sesti in finale – ha proseguito Nuti - sia Emanuele che il cavallo hanno acquistato molta fiducia e i loro risultati sono andati crescendo fino alla bella vittoria di oggi».
Alle spalle di Bianchi si è classificata seconda l'ammazzone norvegese Oda Roth in sella a Remium Hero (0/57,89), e terzo il campione italiano in carica Natale Chiaudani, in sella a  Daylight van de Veldmolen, settimo Bruno Chimirri e 23esimo Juan Carlos Garcia. A premiare i vincitori è stato Andrea Riffeser Monti, amministratore delegato e vice presidente della Poligrafici Editoriale, che edita la rivista Cavallo Magazine, sponsor del premio. Anche Riffeser ha preso parte alla gara, chiudendo il suo percorso con 5 penalità nel tempo di 74,84 secondi. 
Dopo la 140 si è disputato il premio “Gese”, di consolazione per i cavalieri non qualificati alla finale dello Small Tour. A “consolarsi” sono stati: Anna Moretti, prima in sella a Gama (0/0, 27,30 secondi), Simone Giovanardi (0/0; 28,67), secondo con For my Pleasure, e Mine Jensen Hauch, terzo su Carismo T (0/0; 28,87).