Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

MASTERCLASS CAITPR : il cavallo al centro della scena

Foto Annalisa Parisi
Foto Annalisa Parisi

Un'idea progettuale coniata da PASSIONECAITPR che prende il via in termini didattici nel luglio scorso ma che affonda le sue radici nel lontano 2009 quando si decise di mettere in scena un simpatico esperimento, unico al mondo,  che prese il nome di GIGARITMIK proprio per il fatto che insinuava nell'immaginario collettivo una visione diversa di leggerezza e di integrazione che affiancasse diversi argomenti attraverso una modalità operativa molto particolare.
Inserire la ginnastica ritmica, con atlete vere, tesserate in ambito FGI (Federazione Ginnastica), con i suoi tempi, le sue dinamiche e i suoi attrezzi in una performance strutturata sulla musica, proprio come fosse un esercizio di ritmica.
L'innovazione, fu quella di inserire nel team una cavalla agricola, GIGA, al pari delle atlete in campo.
Il risultato: in breve il GIGARITMIK diventò un'esperienza itinerante e calcò i ring più belli in giro per l'Italia in lungo e in largo (nel vero senso della parola), fino all'evento conclusivo a Marbach, in Germania, attraverso un lavoro sottile di "allenamento" che utilizzasse la ginnastica come base di lavoro per e con i Cavalli.
Parallelamente fin dal 2013 in veste meno scenica ma sicuramente parimenti stimolante si iniziò una bella sinergia con il Centro di Riabilitazione Equestre di Villa Buon Respiro, cercando di traslare il GIGARITMIK in una veste molto particolare orientata all'integrazione sociale.  Nel Progetto vennero inseriti altri cavalli, sempre attraverso un lavoro di squadra alla pari.
Le due attività, quella di show e quella di gioco, divennero un tutt'uno e tra i veri addetti ai lavori si iniziò a sperimentare una modalità di interazione che favorisse, attraverso gli attrezzi della ginnastica ritmica e grazie all'utilizzo di ostacoli di diversa difficoltà messi in campo con un cosiddetto percorso di "agility",  un approccio sicuramente molto "friendly" che sviluppasse in termini etici il concetto di binomio.
Nel 2019, a 10 anni da quel primo timido tentativo, le cose hanno assunto una dimensione fantastica e consolidata.
In meno di un anno, sono state realizzate 14 MASTERCLASS, abbiamo partecipato a diversi eventi di caratura nazionale ed internazionale e più di tutto, fiore all'occhiello di questa esperienza, la vicinanza ed il sostegno di due partner d'eccezione come la Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Teramo  e il San Raffaele  con il Centro di Riabilitazione Equestre di Villa Buon Respiro, che fin dall'inizio han preso parte a questo Progetto unico nel suo genere ad essere accreditato in Italia dall'International Horse Agility.  Un progetto che ha assunto una modalità di "pony game", esclusivamente riservato ad una razza "da tiro".
Uno studio lungo e costante fatto di interazioni didattiche diversificate con molti professionisti del calibro di Linda Tellington Jones, ma non solo, che mirano ad un approccio etico e che pongono  il cavallo come MASTER in  attività di conduzione,  esaltandone le naturali doti e canalizzandone le immense capacità emozionali, senza mai tralasciare gli aspetti legati all'etica, sempre attenti al rispetto del benessere e alla capacità di saper valutare gli elementi di rischio, molto spesso sottovalutati.
Oggi, le  MASTERCLASS, in questo format esperienziale che pone il Cavallo in un'ottica differente,  sono dedicate ad un'attività finalizzata ai Cavalli Agricoli Italiani da Tpr (CAITPR).  Un format con una valenza sia formativa che orientata ad un risvolto ludico amatoriale atto alla crescita in termini addestrativi attraverso metodologie non coercitive che sviluppino e favoriscano l'interazione del binomio attraverso percorsi di diversa difficoltà, propedeutici all'esecuzione di esercizi più o meno complessi. Il gioco consiste in una prova di “agility” con il cavallo condotto alla mano ed ha lo scopo di dimostrare il livello di preparazione e di affiatamento del binomio, di rispetto nell’addestramento mediante la corretta esecuzione di un apposito schema ad andature diverse  con ostacoli/difficoltà. 
Il tutto non deve  assumere mai una valenza "agonistica" perché l'interesse è quello di valorizzare la scoperta   e la costruzione di un rapporto.
Ma parliamo di "domani".
Le prime sessioni di valutazione in programma nei mesi di giugno e luglio 2019 verranno strutturate in una modalità "friendly" per i CAITPR coinvolti, che rispetti tutti gli aspetti di apprendimento sui quali si è deciso di  improntare il percorso progettuale, con un'ampia sezione dedicata agli aspetti didattici appena citati.
Le tappe di verifica in campo sono comunque aperte previa iscrizione anche  agli uditori, per quelle in aula, a numero limitato, è necessario consultare gli organizzatori per verificare la disponibilità.

Per informazioni ulteriori e/o sulle date delle sessioni di valutazione, così come per le attività ad esse legate, si prega gentilmente  di contattare la scrivente: +39 340.2318061