Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Mahdia, i cavalli si illuminano di blu a favore delle persone autistiche.

Ogni anno, il 2 aprile, nell’occasione della Giornata Mondiale della Sensibilizzazione all’Autismo, il mondo si tinge di blu:  dall’Empire State Building di New York alla Torre Eiffel di Parigi, dalla Statua del Cristo Redentore di Rio de Janeiro alla Kingdom Tower di Riyad in Arabia Saudita, ovunque si registrano eventi di solidarietà e sostegno alle persone autistiche e alle loro famiglie.

Per il terzo anno consecutivo, l'associazione Centre Hippique Mahdia ha promosso una serie di azioni diverse sulle due sponde del Mediterraneo, con l’evento internazionale BLUE CONNECTION©, un progetto che canalizza le diverse sinergie sotto l’egida del Comune di Mahdia e dell'Ambasciata Italiana a Tunisi: per la prima volta, non sono stati dei monumenti a illuminarsi di blu, bensì dei cavalli.

Il bagliore dei LED color indaco ha infatti illuminato un gruppo di pony di Mogods, una razza in via di estinzione che fu la gloria della cavalleria numida di Annibale ma che oggi sono degli eccezionali mediatori negli IAA, gli Interventi Assistiti con gli Animali, per aiutare i bambini autistici ad acquisire, in modo ludico, le competenze necessarie per l'integrazione scolastica e sociale.

Al tramonto, i rappresentanti della società civile e i residenti stranieri in questa cittadina sul litorale tunisino, soprattutto la comunità italiana, si sono dati appuntamento nel centro ippico per contribuire e sostenere  questa azione sulle problematiche che affliggono l'autismo. La gioia dei bambini con disturbi dello spettro autistico, che accarezzavano i cavalli dallo strano colore e giocavano insieme ai normodotati, in un contesto dove la neurodiversità non trova barriere, ha contagiato tutti i presenti perché, in fondo, la luce più bella è quella di un sorriso infantile!

Questo simbolico messaggio in blu, come una sottolineatura nel cielo notturno, rimarrà acceso per tutto il mese di aprile, come un faro di speranza in queste notti nordafricane.