Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Ippica sconvolta per la morte improvvisa di Glauco Cicognani

Glauco Cicognani in una foto di repertorio
Glauco Cicognani in una foto di repertorio

ROMA. La notizia si è diffusa su Facebook e ha colpito come un fulmine a ciel sereno: improvvisa morte di Glauco Cicognani. Aveva 60 anni ed è stato colto da un malore fatale mentre stava lavorando nel suo centro di allenamento a Ostia Antica.
Era un personaggio amato e assai stimato nel mondo dell'ippica. Rappresentava una famiglia che al trotto aveva dato tantissimo: il padre Alfredo (soprannominato "braccio d'oro") e lo zio Armando fin dai tempi di Villa Glori avevano contribuito a far diventare le corse dei trottatori uno sport nazionale.
Glauco era un autentico genitluomo, in pista come nella vita. La sua cultura e la sua passione lo avevano reso un esempio per i giovani, insieme naturalmente alla sua abilità professionale come allenatore e guidatore. Il suo gioiello è stato Sec Mo, cavallo allevato nelle Marche dal Capitano Ermanno Mori e primo nel Derby per i colori di un appassionato imprenditore romano. Negli ultimi anni si era dedicato anche ai purosangue tanto che amava dire "trotto e galoppo per me pari sono".
Ai familiari le più sentite condoglianze di Cavallo2000.