Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

"Il suicidio di massa dell'ippica italiana"

Lettera di Fabio Carnevali presidente di Assogaloppo:
"Fin dove arriveremo? Tutto indicherebbe che la nostra fine sia dovuta all'attacco epocale subito con diverse metodologie e strategie, elaborate da menti nostre avversarie, ma l'analisi è parziale: gli abbiamo dato una bella mano!
La dimostrazione è nei fatti: quando c'era da batterci per le riforme (2009) perchè erano finalmente arrivati i soldi (legge 185) nessuno ci ha ascoltati e tutti hanno seguito quelli anziché pretendere la ristrutturazione del Settore (la storia dell'ippica è scritta nero su bianco negli editoriali ASSOGALOPPO).
"Finiti, come prevedibile, i soldi e in assenza delle riforme abbiamo iniziato a manifestare “a mezza botta” scendendo in piazza , ma intanto continuando tranquillamente a correre, perchè i “ganzi” dell'ippica sostenevano che “sennò ci facciamo male...” Dovevamo fermarci  e in tutte le sedi e in tutti i modi ASSOGALOPPO ha chiamato a raccolta per quella che avrebbe dovuto essere una guerra senza quartiere....e invece abbiamo continuato a correre fino allo sfinimento, fino a non aver più soldi neanche per pagare il trasporto dei cavalli o il servizio in pista degli artieri. Niente premi e noi giù ad esaurirci, a consumare scorte, a farci prestare i soldi perchè le corse continuassero. A tutti i costi.
"E adesso siamo arrivati oltre il ridicolo: non solo stiamo come stiamo, ma, addirittura, ci stiamo “lavorando” contro! Sì, perchè correre in queste condizioni, senza più cavalli partenti se non i pochi stanziali negli ippodromi in attività, su piste per la maggior parte indecenti, perchè prive di manutenzione idonea, sta disgustando anche il più radicale dei nostri fans. Lo stiamo colpevolmente allontanando sia dallo “spettacolo” che dal gioco. Andate a guardare le statistiche e vedrete che i pochi residuali scommettitori italiani stanno aumentando le scommesse sulle corse estere, laddove l'ippica è ancora Ippica con “I” maiuscola...
"Ma noi “corriamo”! 2 partenti? 3 partenti? Cavalli impegnati più volte in pochi giorni? Non importa: NOI CORRIAMO!!! Grandi!
"E se da una parte si continua a lavorare perchè chi fa le leggi ci dia la possibilità di “risorgere”, dall'altra diamo picconate alle nostre economie e martellate in faccia ad un mondo che ormai ha perso oltre ai soldi, la programmazione, il futuro, il presente, anche la dignità e la logica.
"Corriamo. Fino alla fine. Fino alla estinzione.
"Siamo come il DoDo, che si credeva estinto in quanto incapace di adattarsi alle trasformazioni dell'habitat, poiché idiota. Lui....
"Ma no, signori! Il Dodo probabilmente non si è estinto. C'è. E' nella mentalità di gran parte di noi...
"E' vero che il maledetto Sistema, anziché darci ciò che ci spetta di diritto per la sopravvivenza e lo sviluppo, ci ha fornito sacchetti di cellophan.
"Ma è altrettanto vero che la testa dentro ce la stiamo mettendo noi!"