Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Il racconto di Natale: Io e Te... un Amore eterno!

"IO E TE... UN AMORE ETERNO", racconto di Francesca Bianciotto premiato a HorsEmotion 2012:

ERA UNA CALDA giornata d’estate ed Io intrepida come sempre attendevo con ansia l’arrivo della mia amica speciale che nonostante la lontananza sentivo e sento sempre vicina al mio cuore.
Nel trascorrere la piacevole giornata a cavallo mi informò della vendita all’asta di alcuni soggetti provenienti dall’allevamento militare e ora nelle scuderie Torinesi. La notizia fu presa da me con una certa indifferenza ma con una sensazione, per una ragazzina, di curiosità profonda e misteriosa.
E’ proprio quel mistero che avvolgeva quell’ Asta che mi portò a fissare, grazie alla collaborazione di mio padre, un appuntamento per la visione dei soggetti in vendita.
Era una grigia mattina d’ Autunno, i mesi erano trascorsi e la mia giovane amica mi aveva confortata sulla mia visita, nonostante io non avessi alcuna intenzione di acquistare un cavallo.
Partimmo io e mio padre e dopo un breve tragitto arrivammo in caserma a Torino, le foglie giallastre ed opache parevano trattenessero ancor di più quella rugiada con una leggera foschia tipica autunnale.
Accolsero mio padre con entusiasmo in quanto era un conoscente di lunga data e mentre lui dialogava tranquillo, Io iniziai ad osservare un box dopo l’altro sentendo i consigli sui cavalli in vendita.
Arrivata in fondo al corridoi vidi LEI, timida riservata, stava in un piccolo box rivolta verso il muro, con lo sguardo sincero e profondo,chiedeva solo di essere amata e compresa…
Una voce grossa di un militare mi disse “quella è Sirenetta ma lasciala perdere è matta!”.
Non più belle parole per convincere il mio cuore ad amarla per l’eternità!!
Domandai di entrare nel box, mi avvicinai e timidamente si avvicinò a me annusandomi, ci guardammo negli occhi e Lei mi descrisse tutti i suoi sentimenti più profondi, con quello sguardo telepatico e caldo che mi abbracciò il cuore e me lo rapì per sempre…

ANDAI A CASA, raccontai alla mia giovane amica e le spiegai che non avrei mai più potuto lasciare Sirenetta!
Mi recai all’asta con mio padre (un po’ contrario all’acquisto in quanto avevo già due cavalli miei) e con tutti i miei risparmi da ragazzina, partecipai all’ Asta.
Era la prima volta, intorno a me solo uomini adulti, commercianti di cavalli con un aspetto burbero si guardavano intorno insospettiti, passarono due cavalli il terzo fu Lei.
Ero in piedi in seconda fila,come si presentò sottomano lungo il maneggio coperto,ci guardammo negli occhi,era impaurita quasi pareva tremasse, sapeva di passare in rassegna uno dei suoi nuovi proprietari e sapeva bene di dover partire per un viaggio con nessuna certezza ...
Iniziò l’asta, per alzata di mano ci si aggiudicava il cavallo, subito tre uomini alzarono la mano, io presi tutto il mio coraggio e tremando quasi come Sirenetta alzai la mia manina,una due tre volte fino a che il mio cuore e i mie sentimenti mi suggerirono…
Me la aggiudicai: una conquista!!
Mi diressi subito ad accarezzarla, e alle 14 in punto ero già li pronta con li mio van per portarla a casa,questa volta Sirenetta mi guardava serena, aveva capito tutto fin dal primo momento,mi voleva bene come se fossimo sempre state amiche.

MI SUGGERIRONO di cedere la lunghina in quanto era pericolosa, matta e non sarebbe salita nel van se non con un po’ di maniere forti, io mi offesi molto e risposi al comandante in malo modo e gli dissi che ero una ragazzina ma avrei fatto tutto da sola!
Arrivarono una decina di persone intorno al mio van, io penso per deridermi, ma io e Sirenetta con aria fiera li osservammo e salimmo senza alcuna esitazione, dimostrando a tutti che il nostro era amore vero!!
Mio padre ed io ci congedammo ringraziando e partimmo per il nostro profondo viaggio di un intesa perfetta,quasi una favola,mai nessuno si permise più di dire che Sirenetta era matta, ma che era magica… Il nostro magico viaggio di sentimenti durò fino a che il buon Dio decise di riprendersi l’amata Sirenetta.
Nel salutarci per l’ultima volta Io le sussurrai all’orecchio Io e Te…un Amore eterno!!
Sono sicura che lei mi guardò e comprese tutto come sempre e che di lassù con tutti i miei amici cavalli e mio nonno mi seguono e mi fanno da angeli custodi nel tortuoso cammino terreno…

Francesca Bianciotto