Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Il metodo T-Touch, anche per i nostri amici cani

Linda Tellington-Jones  con uno dei suoi cani
Linda Tellington-Jones con uno dei suoi cani

Agli amici di Cavallo2000 senz’altro non occorre spiegare chi sia Linda Tellington-Jones, perché di sicuro conosceranno il suo famoso metodo, il TTouch, applicato ai cavalli. E a proposito di questo cito subito il bellissimo manuale, pubblicato da Equitare editore, Il metodo del TTouch. Comprendere e influenzare la personalità del cavallo, immancabile nella libreria, e nella cultura, di ogni amante dei cavalli.

Su questo metodo, da lei stessa messo a punto, l’istruttrice, esperta di comportamento animale e terapista ha scritto ben 16 libri, che sono tradotti in 12 lingue, ha prodotto 18 filmati legati alla formazione, tra i quali 7 in Germania.

Ha fondato “Animal Ambassador International”, con l’obiettivo di approfondire le dinamiche relazionali tra l'uomo e l'animale.

Attualmente sono oltre mille, in ben 28 paesi, gli insegnanti diplomati TTouch®.

Tutto questo, e molto altro, dicevo, senz’altro lo sappiamo.

Quel che, almeno io, non sapevo è che questo stesso metodo la Tellington-Jones lo ha applicato anche al cane. Mi sono imbattuta per caso, in un forum dedicato ai bracchi, in un riferimento a un suo libro che ho subito acquistato: Il TTouch per il Cane - Con DVD Allegato. Nuova edizione arricchita di figure e contenuti, pubblicato da Haqihana. Ero molto curiosa di leggere questo testo e visionare il DVD allegato; si tratta di una vera e propria guida pratica, illustrata, che contiene la descrizione dei vari tipi di “massaggio”, ben 26 (se ci sentisse Linda chiamare così i suoi TTouch non approverebbe affatto), illustrando sia il metodo con cui eseguirli che i vari effetti benefici per il cane. In particolar modo secondo l’autrice questo metodo infonde fiducia, migliora la salute, e aumenta la cooperazione e l’intelligenza del cane. Ci sono massaggi che favoriscono il rilassamento, altri l’attivazione mentale, altri ancora aiutano il cane ad acquisire sicurezza. Il principio è quello della collaborazione con l’animale, totalmente priva di coercizione, facendo leva sulla capacità di instaurare una comunicazione basata sulla fiducia. Secondo l’autrice, con il suo metodo è possibile aiutare i cani a superare molti disturbi, sia fisici che di comportamento; e ne cita alcuni tanto diffusi quanto difficili da risolvere: l’abbaiare continuo, il bisogno di masticare oggetti, il vizio di tirare al guinzaglio, di saltare addosso, l’aggressività verso i propri simili, la mordacità per paura, la timidezza e la diffidenza, l’avversione per la tolettatura, l’iperattività e il nervosismo, il mal d’auto, la displasia all’anca, la paura dei tuoni o dei rumori forti in generale, e molto altro. Insomma, sembrerebbe proprio incredibile che “soltanto” massaggiando il proprio cane si possano ottenere questi risultati!

Eppure si avvalgono di questa tecnica proprietari, istruttori, allevatori, veterinari e tecnici, così come volontari nei canili di tutto il mondo.

Oltre ai TTouch nel libro, e nel DVD, si illustrano diversi esercizi di condotta, con l’utilizzo di strumenti innovativi e insoliti per superare, anche in questo caso, problematiche molto comuni.

Si tratta di un testo, e di un metodo, molto interessante, dunque, che ci fa riflettere su quanto il contatto con il nostro cane può influenzare il suo, e il nostro, benessere. 

Personalmente posso dirvi che ho subito utilizzato il mio bracco come cavia per provare i vari TTouch: la conchiglia, il leopardo, sdraiato o nebuloso, il procione, il pitone, l’orso, lo zig-zag… ecco, non saprei dirvi se sono stata in grado di riprodurli correttamente, molto probabilmente no… posso però garantirvi che il mio cane ha molto gradito e, grazie a questa pratica, adesso pretende di essere massaggiato ogni momento!