Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

HorsEmotion, il racconto ''Aisha''

AISHA,  IL RACCONTO  di  Clara Pitto premiato al concorso HorsEmotion 2012


Se l’amore è uno scambio, Aisha, che cosa ci siamo date finora?
Da me  carote e carezze, e ogni tanto qualche mela raccolta dall'albero apposta per te, medicine e coccole quando stavi male, la mia presenza per darti sicurezza durante le visite del veterinario, passeggiate alla mano per portarti a mangiare l'erba.... sono venuta da te con il caldo e con la neve, con la spalla rotta, con la febbre, ho cercato per te il maneggio dove ti accudissero meglio, pensando al tuo diritto di vivere una vita il più possibile vicina alla tua natura di cavallo, mi sono presa cura dei tuoi piedi, delle piccole fiaccature, ti ho tolto i tafani dalla pancia, ti ho spruzzato la citronella per tenere lontani gli insetti, ho cercato di capire il tuo linguaggio e di amarti con rispetto senza mai dimenticare il tuo essere altro da me.
E tu, Aisha, che cosa mi hai dato finora? Momenti di pura emozione, le orecchie puntate quando mi vedi da lontano, il nitrito sussurrato quando mi avvicino a te, il tuo muso sulla mia spalla, la prima volta al galoppo, le passeggiate in campagna, la criniera al vento quando corri sui prati, la fiducia, il perdono per tutti gli errori che ho fatto e che continuo a fare quando ti monto, mi hai accettato senza giudicarmi, e quando sono triste mi restituisci serenità facendomi vivere nell'assoluto presente della relazione con te, e allora l'attenzione  che mi chiedi dissolve il dolore del passato e le ansie del futuro, sai mettermi in contatto con le mie paure e  i miei limiti aiutandomi  talvolta  a superarli, o più  spesso ad accettarli, mi dai la tua attenzione e il tuo rispetto, e nello stesso tempo mi insegni ad essere attenta e rispettosa, e a modulare il mio umore e i miei comportamenti per avvicinarmi a te in modo più sicuro...
Da quando sei con me la mia vita è più bella, e se l'amore è uno scambio, Aisha, quanto devo darti ancora?