Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Horse Angels Onlus è sbarcata in Turchia!

I cavalli selvatici di Manisa
I cavalli selvatici di Manisa

Dal 4 all'11 maggio u.s. Horse Angels Onlus è sbarcata in Turchia, ad Ackay, località costiera del distretto di Balikesir, quale componente di un altro progetto Erasmus+ sulla protezione ambientale (coordinatore: l'associazione ambientalista turca GEO). Presenti in loco 32 europei rappresentati 6 nazioni, i quali hanno messo a confronto temi e problemi relativi alla protezione animale ed ambientale.
"Si sono stretti accordi per future collaborazioni e scambi culturali nell'ambito della progettazione europea con il cavallo quale mediatore culturale, portatore di emancipazione, guarigione, eguaglianza e fraternità fra popoli diversi", ci racconta Roberta Ravello, presidente Horse Angels, che ha partecipato al progetto insieme ad altri due membri delegati della Onlus, Matteo Sorbi e Stefano Polimeni. "Durante il meeting si sono svolti diversi training e docenze svolte a partire dallo specifico ambito di competenza dei partecipanti, con focus sull'incisività e l'efficacia comunicativa nel proporre campagne di tutela animale e ambientale volte al coinvolgimento del pubblico e istituzioni. Non sono mancate le visite ad associazioni di tutela locali, nonché a villaggi ecologici turchi". Per ciò che nello specifico riguarda i cavalli, oltre all'interessante confronto sul loco con i minatori, i lancieri e gli arcieri di Soma del distretto di Manisa, "abbiamo anche fatto visita ad una comunità di cavalli selvatici stabilmente residenti sulle montagne locali - vedi foto allegata - il focus è sempre lo stesso: sensibilizzare l'opinione pubblica per far sì che questi branchi possano continuare la loro vita in libertà, essere quindi preservati, valorizzati e percepiti dall'uomo quale tassello fondamentale del patrimonio naturalistico, in Turchia come in Italia - si veda la popolazione dei “cavalli selvaggi dell’Aveto”, unico esempio sul suolo nazionale di totale autonomia in natura di una popolazione di equini".