Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Fantini in posa per il calendario di Anima Equina

Una delle foto del calendario
Una delle foto del calendario

Caro Direttore, ringraziamo Cavallo2000 che, ancora una volta, ci dà spazio per promuovere una delle nostre iniziative.
Come molti di voi sanno AnimaEquina Onlus si occupa di adozioni di cavalli meno fortunati, a fine carriera o non più voluti per svariati motivi e quest’anno, per raccogliere fondi –che non sono mai abbastanza- abbiamo deciso di mettere in atto un progetto un po’ diverso dal solito: un Calendario con i cavalli come protagonisti ma accompagnati da alcuni fantini.
Ad aiutarci in questa nostra avventura la fotografa equina internazionale Melis Yalvac che ci ha offerto la sua professionalità e bravura pro bono.
Quando abbiamo avuto l’idea eravamo convinte che non saremmo riuscite a portare a termine il progetto perché, per motivi noti a tutti, le associazioni animaliste non sono ben viste in certi ambienti.
E invece ci siamo dovute ricredere.
Abbiamo avuto un buon riscontro e anche chi non ha potuto partecipare per impegni propri, ci ha dato disponibilità per qualsiasi progetto futuro.
Questo per noi è molto importante: se anche gli “addetti ai lavori” comprendono l’importanza del nostro lavoro, se anche per loro dare una seconda vita ai cavalli diventa una priorità, allora tutti i nostri sacrifici stanno finalmente dando i risultati sperati.
AnimaEquina si è sempre distinta per le sue posizioni non estremiste: per noi montare a cavallo, se le condizioni del cavallo lo permettono, è parte del rapporto speciale che si crea con questa splendida creatura.
Altro discorso sono invece le attività a scopo di lucro. Per i cavalli che arrivano da noi auspichiamo una vita tranquilla con un affidatario che abbia voglia di godersi il cavallo in tranquillità, senza gare o riproduzione.
Siamo anche consapevoli del fatto che se il cavallo non fosse utilizzato per scopi ludici sarebbe probabilmente estinto da molto, o sarebbe utilizzato al pari degli altri animali considerati da carne.
Per questo motivo per noi il dialogo rimane l’arma più potente per cambiare le cose e far ottenere ai cavalli, e agli animali in generale, il rispetto che meritano.
Andando in giro per le scuderie per fare le fotografie abbiamo anche avuto modo di vedere come vivono questi cavalli da corsa, da tutti considerati come sfortunati. Per quello che abbiamo visto possiamo dire che sono più fortunati loro di molti altri cavalli di altre discipline, costretti a condizioni di vita molto più restrittive.
Con questo non vogliamo affermare che il galoppo, il trotto o le corse siano tutte rose e fiori, ci sono delle cose inammissibili ma le stesse cose, e a volte anche peggiori, esistono in tutte le altre discipline.
L’obbiettivo comune deve essere quello di portare nella coscienza di tutti, anche di chi con i cavalli non ha nulla a che fare, che non ci sono angeli e demoni, o per lo meno non sono così distinti e riconoscibili: un maneggio di campagna che fa passeggiate può essere una realtà d’inferno per i cavalli rispetto ad una scuderia di galoppo o altro.
Il messaggio del nostro calendario è che l’unione fa la forza e insieme si possono salvare molte più vite.
Giocosamente i cavalli delle nostre foto dicono “Per una volta vi sfruttiamo noi!”
Se avete voglia e desiderio di aiutarci ad aiutarli scrivete una mail a animaequina@gmail.com e ordinate il Calendario 2018.
Grazie a tutti