Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Europei di Completo, l'Italia è quarta dopo il cross

ROMA. Giornata di cross-country a Luhmühlen per l’edizione 2019 dei Campionati Europei di Completo in corso di svolgimento fino a domani in Germania. L’Italia ha portato a termine oggi, sabato 31 agosto, con un buon risultato l’impegnativo percorso che - in una giornata davvero calda - ha visto alla partenza i 73 binomi al via nella competizione continentale.
Il miglior risultato azzurro è ancora quello messo a segno dall’agente delle Fiamme Oro Pietro Roman e dal grigio Barraduff. Il cavaliere italiano ha concluso il suo tracciato con un percorso netto nel tempo. Roman occupa al momento l’ottava posizione della classifica individuale con il punteggio negativo invariato di 29,40.
Percorso netto, ma con penalizzazione per il tempo per il carabiniere Arianna Schivo su Quefira de l’Ormeau (24^; 35,70) e per il caporale Giovanni Ugolotti e Note Worty (19°; 34,10). Il 1° aviere scelto Vittoria Panizzon su Super Cillious ha concluso, invece, nel tempo, ma con 11 penalità ai salti (Broken Device) per un errore a un frangibile  (37^; 42,50).
I risultati del Team Italia consentono alla squadra italiana di guadagnare ben due posizioni rispetto alla giornata di ieri. Gli azzurri si trovano al momento al quarto posto della classifica generale con 99,20. 
A titolo individuale sul tracciato oggi anche Marco Biasia e Junco Cp, che concludono con un netto e una penalizzazione per il tempo (45°; 55,60) e Simone Sordi su Amacuzzi, purtroppo eliminato per caduta, che non ha comunque prodotto conseguenze né per il cavaliere, né per il cavallo.
A guidare la classifica individuale è ancora il Campionissimo tedesco Michael Jung in sella a fischerChipmunk FRH (20,90). La Germania è ancora in vetta nella classifica a squadre (78,50), seguita a ruota da Gran Bretagna (92,80), Francia (93,60) e quindi Italia al quarto posto (99,20). Seguono dal quinto al dodicesimo posto: Svezia (101,10), Irlanda (103,30), Belgio (146,60), Svizzera (164,10), Austria (1137,30), Olanda (2026), Spagna (2052,7) e Finlandia (2053,2).
Domani decisiva per l’assegnazione delle medaglie sarà la prova di salto ostacoli.