Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Equitazione, spettacolo e finale thrilling a Porto Rotondo

La premiazione
La premiazione

Non ha deluso le attese la tre giorni di equitazione organizzata all'Hyppopark di Porto Rotondo dal Circolo Ippico Gli Olivastri. Spettacolo e finale thrilling nel Gran Premio Fise Sardegna a due manches, dove Gianleonardo Murruzzu (Sardinia e Horses) su Taissa Sarda, di Francesco Murgia, ha battuto per soli 40 centesimi Andrea Guspini (Siete Fuentes) in sella a Ocean Girl, sella italiano allevato da Alessandra Diaz. I due cavalieri sono gli unici a avere completato le due manche della C140 senza penalità, valida anche per il Premio Agris di 7 anni e oltre. Da ricordare che il binomio Murruzzu-Taissa Sarda ha sfiorato la vittoria tricolore l'anno scorso ad Arezzo, nelle finali del Circuito Classico Mipaaf per giovani cavalli. E non a caso nella giornata di sabato ha vinto pure la C135.


Al terzo posto del Gran Premio, il fratello Antonio Murruzzu, su Tiberio.

E sempre Gianleonardo Murruzzu ha conquistato la vittoria nella C130 mista-Premio Gianni Deiana, in sella a Violino. Unico binomio senza errori che ha così primeggiato anche nella 6 anni del Premio Agris. Per i 5 anni vittoria di Andrea Guspini su Zuela che ha fatto sua la prova anche per i 4 anni, in sella ad Aconte.

Alle premiazioni della giornata di domenica, oltre al presidente della Fise Sardegna Stefano Meloni, ha partecipato pure il fondatore di Porto Rotondo, il conte Luigi Donà dalle Rose, che ha dichiarato: “Un impianto importante come questo e una manifestazione come questa non può che far volare Porto Rotondo in questo momento non facile per tutti noi, per quelli che lavorano”.

La tre giorni ha proposto anche le gare del Progetto Sport e delle Scuole Jump che hanno consentito soprattutto ai giovanissimi di fare esperienza e continuare a crescere. 

I risultati di sabato: C130 a fasi consecutive: Giovanni Onnis (circolo Le Vigne) su Venerella, che ha bissato nella 6 anni di Precisione; 4 anni Precisione: Giovanni Carboni (Quadriflor Horses & Gardens) su Ailal Blue; 5 anni Precisione: Antonio Murruzzu (Sardinia e Horses) su Zamir Furra.

Show Director della manifestazione è stata Piera Monti, presidente di Giuria Nicoletta Tocco, direttore di campo Paola Zoccheddu e segretario Gavino Uras.