Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

Cavalli a Roma, accordo tra FISE e SOS Villaggi dei Bambini.

La Giornalista MariaLuisa Cocozza che ha partecipato all'evento.
La Giornalista MariaLuisa Cocozza che ha partecipato all'evento.

La Federazione Italiana Sport Equestri, attraverso il Centro Studi Federale, ha aderito ufficialmente alla campagna dei “SOS Villaggi dei Bambini” con l’ashtang #nonèungioco per accogliere e offrire un supporto concreto ai bambini con le loro mamme vittime di violenza.
Così, nella mattinata di sabato 16 febbraio, in occasione della fiera “Cavalli a Roma 2019” la FISE e “SOS Villaggi dei Bambini”, hanno lanciato la loro partnership per la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “#nonèungioco”, organizzando un flash mob all’interno del Padiglione 6 con il coinvolgimento dei bambini, dei cavalli e con il forte simbolo che unisce le due realtà “la coperta”. 45590, questo il numero solidale attraverso il quale donare via telefono o tramite sms.
L’obiettivo federale è quello di sostenere la crescita dei “bambini” accompagnati da un importante partner come il cavallo, vivendo in un ambiente a contatto con la natura, sano e sicuro. Un ambiente sportivo, competitivo in cui il fair play e l’etica guidano l’allenamento e la performance.
“Con questa consapevolezza – spiega il Presidente Marco di Paola – cresce l’impegno federale per sviluppare una maggiore coscienza sociale di tutti gli stakeholder rispetto alle numerose criticità legate ai temi di protezione dell’infanzia”.
Lo sport, infatti, rappresenta la forte risposta per combattere parte dei disagi sociali e la disciplina dell’equitazione, da questo punto di vista ha una marcia in più: il cavallo. Interagire con lui significa, soprattutto per un bambino ancora in formazione, affrontare un’esperienza che mette in campo ed integra istinti, corporeità, sentimenti e ragione. Ma non è tutto interagire con un altro essere vivente così diverso da noi aiuta a sviluppare quella capacità di immedesimarsi nell’altro che è alla base di ogni possibile sviluppo della socialità.