Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

A Varese il IX concorso internazionale paralimpico di dressage

Manca ormai poco più di un mese al via del IX concorso ippico internazionale di dressage paralimpico "tre stelle" (CPDI***) organizzato dal GEB (Gruppo Equestre della Brughiera), che si svolgerà negli impianti del Riding Club di Somma Lombardo, Varese, dal 12 al 14 giugno prossimi.
Il CPDI al Riding Club, qualificante per i Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro 2016, è valido anche per i Campionati Italiani Assoluti, le cui classifiche verranno estrapolate da quelle generali.
Alla manifestazione dell'anno scorso hanno partecipato straordinari atleti di 15 nazioni (Austria, Argentina, Brasile, Belgio, Germania, Francia, Messico, Polonia, Russia, Repubblica Ceca, Spagna, Portogallo, Singapore, Svizzera e Lituania) oltre a quelli dell'Italia. Anche per questa edizione il Comitato Organizzatore ha ricevuto numerose e prestigiose adesioni, il cui elenco sarà prossimamente ufficializzato.
Fra gli azzurri che parteciperanno al CPDI*** al Riding Club sono attesi numerosi campioni vincitori di titoli alle Paralimpiadi, a Campionati mondiali ed europei, a cominciare dall'azzurra Sara Morganti, portabandiera della delegazione italiana ai Weg di Normandia 2014, nei quali ha poi conquistato la medaglia d'oro nel Freestyle e la medaglia d'argento nell'Individual Test.
Accanto alla Morganti -recente vincitrice anche a Mannheim, settimana scorsa- non mancheranno altri azzurri di livello internazionale: Silvia Ciarrocchi, Francesca Salvadé, Federico Lunghi, Silvia Verratti e altri ancora, guidati dalla responsabile federale del settore Laura Conz.
Il CPDI*** al Riding Club oltre a godere dell'appoggio della Federazione Italiana Sport Equestri (F.I.S.E.) e del Comitato Lombardo F.I.S.E., è sostenuto essenzialmente dal volontariato. Il Comitato Organizzatore, presieduto da Danilo Maestrello, contribuisce con notevole impegno sia tecnico che economico alla vita della manifestazione tanto importante per l'equitazione paralimpica azzurra in prospettiva Rio 2016.