Agenzia di informazione indipendente

di Rodolfo Galdi e Marialucia Galli

Articolo completo

4 maggio, il trotto ricorda il Grande Torino

TORINO. Corse al trotto all’ippodromo di Vinovo in concomitanza con le celebrazioni in ricordo della tragedia di Superga, quando il 4 maggio 1949 l’aereo del Grande Torino si schiantò ai piedi della Basilica. Anche il mondo dell’ippica torinese ha voluto ricordare la tragedia sportiva e umana dei giocatori morti nell’incidente intitolando alcune corse del pomeriggio a fatti e a riferimenti legati alla squadra granata.
Il centrale del pomeriggio, intitolato Premio Grande Torino, vedrà al via 8 cavalli impegnati sul doppio chilometro e divisi su tre diversi nastri della partenza. Unico soggetto a 2.100 metri Pepevita con la quale Marco Smorgon spesso si toglie delle soddisfazioni. Non sarà però facile ridurre l’handicap rispetto a Rossella Ross che finalmente Andrea Guzzinati può schierare sulla sua pista.
Cavalla importante anche a livello internazionale, Rossella Ross è impegnata in una sorta di nuovo debutto sulla pista dopo le recenti corse a Milano e Bologna. Il “Team Guzzi” crede in lei e se la schiera lo fa perché la ritiene pronta ad una buona prestazione. Sempre al secondo nastro ed in netta crescita di forma c’è Mirror Grif, vincente all’ultima uscita. Si alza il livello della competizione e degli avversari ma Edoardo “Dodo” Loccisano sarà farsi valere anche contro questi cavalli. Al primo nastro Nello del Sile e Nerone d’Asolo possono fare bene.